Curry Madras indiano

Curry Madras è una miscela antica che prende il nome dai coloni inglesi delle Indie. Questa miscela di spezie definita curry o masala – appunto Madras – è la più utilizzata e conosciuta.

[prodotto_outlet]

Curry Madras è una miscela antica che prende il nome dai coloni inglesi delle Indie. Questa miscela di spezie definita curry o masala – appunto Madras – è la più utilizzata e conosciuta.

8,60 

Curry Madras indiano
Descrizione

Come usarlo in cucina

Curry Madras di JS1599 è una polvere fine e preziosa, dal colore giallo bruno, aromatico e dal sapore speziato e pungente ottenuto dalla miscelazione di semi di coriandolocuminopeperoncino, semi di finocchio, zenzeropepe nero, fieno greco, aglio, senape, garofani, curcuma, sale, riso e foglie di curry.

Un connubio di aromi grazie alle spezie ed erbe aromatiche che si sposano perfettamente con tutti i tipi di carne, soprattutto quelle bianche, spezzatini vellutata di cozze ma anche in ricette di cucina vegana. Rende intensi infatti piatti a base di verdure, legumi, patate, risotti, tofu e seitan.

La parola curry fu introdotta dai coloni inglesi delle Indie, e in realtà vuol dire a tutti gli effetti Miscela. L’amore per la miscela o curry quindi arriva da lontano, e raggiunge il culmine quando nel 2001 il pollo tikka masala diventa il piatto nazionale inglese. Uno scambio interessante, dopo che gli Inglesi avevano invaso l’India con i loro tè (o Thè).

Naturalmente la tipologia di miscela non è sempre uguale, anche perchè è legata alle tradizioni della famiglia e alla provenienza etnica. La città di Madras, sulla costa orientale, è una delle porte di ingresso dell’India del Sud.

Per il proprio benessere

Non è solo un condimento gustoso dei nostri piatti, ma grazie alle singole spezie che contiene è anche un toccasana per il nostro corpo. Grazie alla curcumina – con la curcuma responsabile del colore giallo del curry madras – ha la capacità di alleggerire gli sforzi del fegato, protegge stomaco e intestino e ci aiuta nell’affrontare artrite e reumatismi.

La curcuma d’altronde è il più potente antifiammatorio in natura. La composizioni di spezie del curry inoltre, dà un piccolo aiuto al cuore, stimolando il flusso sanguigno e accelerando metabolismo con conseguente smaltimento dei grassi.

Quante calorie ha una porzione?

Se preparate un piatto della più famosa ricetta, o per lo meno più conosciuta in Italia, il pollo al curry, le calorie sono davvero basse. Una porzione ha poco più di 210 calorie

Cos’è davvero?

In India, un paese dalle molteplici e diversissime cucine regionali, non esiste nemmeno il mix che in Italia chiamiamo curry e che in Regno Unito viene indicato come curry powder: venne inventato nel Settecento dai mercanti per il mercato britannico.

Si chiama così anche in India?

Questa tipologia miscela speziata viene usata soprattutto nella cucina asiatica, in particolare nelle rictte indiane, ma con il nome di Masala. A dirla tutta, il termine che sta ad indicare le spezie in polvere curry venne inventato nel Settecento dai mercanti per il mercato britannico. In India curry sta ad indicare una preparazione, come ad esempio i curry di pesce, di pollo, di verdure, di pesce etc tc

Quando aggiungerlo al piatto

La migliore indicazione per l’utilizzo delle spezie ed erbe in cucina è quella di aggiungere la miscela masala o curry madras verso i 3/4 di cottura, o verso la fine. Non ha bisogno di una cottura lunga per trasferire le sue qualità aromatiche, essendo un mix di spezie in polvere l’infusione avviene rapidamente e non c’è degradazione degli aromi.

Perchè questo colore?

Il caratteristico colore giallo aranciato è dato dalla curcuma, ingrediente principale nella sua composizione. Una spezia che trasferisce al piatto tutte le sue proprietà benefiche antiossidanti, antibatteriche, antidolorifiche, rendendolo un toccasana per la nostra salute.

Qual’è la differenza con la curcuma

La curcuma, che viene definita anche turmeric in lingua Inglese, è una singola spezia, mentre il curry mix è invece una sinfonia di sapori, essendo diversi ingredienti miscelati.

Composizione

Curry di Madras : Coriandolo, cumino, peperoncino, finocchio, zenzero, pepe nero, fieno greco, aglio, senape, garofani, curcuma, sale, riso e foglie di curry.

Prezzo

Essendo una miscela, il suo prezzo è legato alla composizione del prodotto. Prodotti di qualità hanno prezzi differenti da quelli che sono solitamente definiti ingredienti commerciali e non selezionati.

Come si usa in cucina

Come si usa in cucina

Un connubio di aromi grazie alle spezie ed erbe aromatiche che si sposano perfettamente con tutti i tipi di carne, soprattutto quelle bianche, spezzatin,i vellutata di cozze ma anche in ricette di cucina vegana. Rende intensi infatti piatti a base di verdure, legumi, patate, risotti, tofu e seitan.

La parola curry fu introdotta dai coloni inglesi delle Indie, e in realtà vuol dire a tutti gli effetti Miscela.L’amore per la miscela o curry quindi arriva da lontano, e raggiunge il culmine quando nel 2001 il pollo tikka masala diventa il piatto nazionale inglese. Uno scambio interessante, dopo che gli Inglesi avevano invaso l’India con i loro tè (o Thè).

Conservazione

Conservazione

Conservare in luogo fresco ed asciutto, lontano da fonti di calore.

Dettagli Tecnici

Dettagli Tecnici

Sta bene con

Sta bene con

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Curry Madras indiano”

×